Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘E.V.A.’

Il giorno dopo essere arrivato a L’Aquila, Paolo si offre di darmi uno strappo a Pescomaggiore.

Quando mi lascia nell’unico vicolo del paese per andarsene al lavoro, io mi sento di nuovo solo e abbandonato…strana sensazione, è già la seconda volta in due giorni.

Mi è successo lo stesso ieri quando Maurizio e Luca & family mi hanno lasciato davanti a quel distributore a L’Aquila.

Quello che resta del castello

Faccio un giro a piedi tra le 4 case del villaggio. La chiesa ed il castello sono devastati, c’è ben poco ancora in piedi.

Faccio qualche foto e poi cerco di capire da che parte potrebbe essere il villaggio del progetto E.V.A.

Esce un simpatico anziano abitante del luogo e mi spiega come arrivarci, lo capisco più dai gesti che dalle parole.

Ha un accento fortissimo e faccio fatica a capire!

Lo ringrazio e mi incammino. Scorgo le casette da lontano, scatto ancora qualche foto mentre mi avvicino e mi viene un po di rabbia perchè non c’è anima viva e mi girerebbero troppo le palle…dover ripartire subito per L’Aquila senza aver parlato con nessuno.

Penso che forse per via della pioggia oggi non verrà nessuno in cantiere e proprio quando sto per girare i tacchi ed andarmene, si accende una radio e sento della musica uscire da una delle case e con la musica esce un giovane ragazzo.

Il progetto E.V.A.

E’ Federico, uno dei volontari occupati nel progetto e per fortuna oggi è arrivato presto.

Gli spiego chi sono e che cosa ci faccio li.

Gli altri volontari arrivano alla spicciolata, tutti incuriositi dalla mia presenza.

Dopo un po inizio a familiarizzare con i nomi.

Sono tutti indaffarati, chi sta rifinendo gli interni con lo stucco, chi lavora col flessibile, chi fissa l’impalcatura del pavimento d’ingresso al muro, chi si occupa del caminetto.

Io fotografo, chiacchiero e faccio finta di aiutare.

Vorrei fare di più ma mi sento d’impaccio in mezzo al via vai di persone, tutti con un compito ben definito.

Dopo qualche ora avrei già dovuto iniziare a camminare per raggiungere L’Aquila, ma visto che piove e sopratutto che i ragazzi mi invitano a pranzo, decido di rimanere, tanto poi per L’Aquila sarà tutta discesa.

La pausa pranzo arriva solo dopo l’una. Si mangia tutti nella casa dei volontari.

Volontari all'opera

L’atmosfera è cordiale e si vede l’affiatamento dei ragazzi, ma si nota anche un po di stanchezza e probabilmente un po di sconforto.

Tutti sono li da mesi, vengono da ogni angolo d’Italia: Friuli, Toscana, Puglia, Lazio, Veneto e anche dalla Polonia. E alcuni non sanno bene che fare dopo l’inaugurazione delle prime due case che avverrà sabato prossimo.

Mancano i fondi e i lavori si fermeranno per qualche mese.

Si è fatto tardi e allora accetto un passaggio da Irene che sta andando in città a prendere i vetri per le finestre.

Arrivati la, aiuto a caricare i vetri sull’auto e saluto Irene, e mi risento solo per la terza volta.

Dovrò farci l’abitudine!

Pescomaggiore

Read Full Post »